Valentine’s Romantic Ramble: buon San Valentino riders!

Valentine’s Romantic Ramble: buon San Valentino riders!

San Valentino è la festa degli innamorati, della passione, dell’emozione forte e travolgente ed è su due ruote che la si può vivere abbracciati anche quando ci si muove.

 

Un giro in moto sui colli del bassanese, dell’asolano o del marosticense con la brezza fresca che aiuta due cuori a stringersi ancora un po’ di più, un aperitivo in centro nella piazza antica e uno scambio di sguardi d’intesa sul sellino della special: se si vuole vivere San Valentino mescolando stile ed emozione allora ci vuole proprio una motocicletta!

Il 14 febbraio quest’anno ci regala temperature superiori alla norma (14/16°) e un cielo pieno di sole, e sarà bello anche il fine settimana che lo segue. Niente di male perciò a pensare ad una giornata diversa dal solito, distinguendosi un po’ in mezzo alla celebrazione trita incellophanata e un po’ triste (macchina, fiori, pizza, macchina, a casa). Una passeggiata in moto a cullarsi tra le colline e poi in città per vivere tutto senza mediazioni e – perchè no? – facendoci anche ammirare.

DRESS CODE

Niente saponette, niente tuta tecnica con le scritte, niente stivaloni da pista: San Valentino in moto per noi significa soprattutto raffinatezza ed eleganza e per fare pochi chilometri lentamente a spasso in moto vanno bene il casco aperto e una giacca in pelle minimal con le calzature che useresti tutti i giorni. Quando passeggerai per Marostica o per Bassano o per Asolo per mano alla persona che ami si vedrà dal tuo sguardo che sei un rider non dai quintali di roba tecnica ingombranti che ti porti addosso!

La persona che hai davanti il giorno di San Valentino (o dietro in moto) è la persona più importante dell’universo: non c’è nulla che possa accadere sul tuo smartphone di più interessante di quello che sta dicendo o tacendo lei. Perciò, meglio di un mazzo di rose che comunque in moto non potresti portare, metti in silenzioso il telefono e non lo guardare mai se non per farti qualche foto con lei.

 

LA MOTO

Una ragazza appollaiata sul micro sellino della moto stradale con le pedane praticamente inesistenti magari può allietare la vista del cafone che ti segue ma è di certo ciò che di più lontano esiste con quello che crediamo sia un romantico giro in moto di San Valentino: ci vuole un classico affascinante come la Bonneville della Triumph o qualcosa che sia uscito da un garage reinventato dalle sapienti mani artigiane di un customizzatore.

Se i tuoi scarichi fanno “boooooom” per carità, tienilo per te. Non oggi. Non qui.

LOCATION

I colli veneti sono ricchi di luoghi romantici dove si mangia davvero bene e dove si può godere di un’ospitalità curata. Niente pizzerie con l’overbooking di tavolini da due dove sei praticamente in braccio alla ragazza del tuo vicino, niente birrerie da compagnie dove si riverseranno tutti gli sfigati single che non mancheranno di romperti le scatole tra pacche sulle spalle e sonore risate. Le parole d’amore si sussurrano, l’intesa non è mai cialtrona: perciò scegli un posto dove la musica è davvero un sottofondo appena udibile. Chi ha stile non frequenta luoghi per persone che non hanno niente da dire.

IL REGALO

Ma se usciamo in moto dove li mettiamo i regali? Nessun problema, per portare un gioiello non ti serve un rimorchio anzi, se arrivi in moto è proprio probabile che tu abbia con te un qualcosa di prezioso da donare che – come tutto ciò che è prezioso – non occupa tanto spazio ma riempie ogni cosa.

#VALENTINESRAMBLE

E’ la festa dell’essere in due, due cuori, due anime, due mondi che si incontrano: e su due ruote c’è ancora più alchimia. Se nella settimana di San Valentino sei in moto con lei condividilo con l’hashtag #valentinesramble

PS: Lo sappiamo bene, ma evitiamo di parlarne durante la festa degli innamorati: San Valentino è anche l’onomastico di Valentino Rossi e lui inoltre il 16 febbraio compie gli anni (40 tondi). Però chissenefrega, davvero, per questa volta dai… quando sei con lei lascia stare 😉

No Comments

Post A Comment